Consegne e calendario – I semestre – A. A. 2022/23

Consegna Esercitazione 0. Spazio 1: 20 – mercoledì 28 settembre
Consegna Progetto I. Collage – mercoledì 12 ottobre
Consegna Progetto II. Revisione Collettiva – mercoledì 26 ottobre
Consegna Progetto III. Revisione Collettiva – mercoledì 23 novembre
Consegna Progetto IV.  – mercoledì 14 dicembre
Consegna Finale Progetto – gennaio 2023
.
Esame bibliografico – gennaio 2023

A QUESTO LINK LA CARTELLA ONEDRIVE PER CARICARE I VOSTRI MATERIALI

Consegna Esercitazione 0. Spazio 1: 20 – mercoledì 28 settembre
Progettate lo spazio che vorreste avere per vivere, studiare e sviluppare una vostra passione.
Tale unità minima deve rispondere alle esigenze della vita da studenti, includendo tutti gli spazi di una casa: cucina, pranzo, studio, letto e servizi, senza trascurare la ricerca di uno spazio speciale per lo studio e/o sviluppare un’attività speciale, oltre ad avere una buona qualità architettonica e un consapevole rapporto con l’esterno. Le funzioni non necessariamente devono corrispondere a locali predefiniti, bensì devono essere spazi consapevoli e controllati. Occorre considerare come entra la luce, e la qualità fisica dello spazio, cioè materiali e colori.
La cellula è ampia, ma chiusa su due lati, per essere montata in sequenza.
La cellula di base, schematizzata, deve considerare:
– 4,80 m. di larghezza netta, compresa tra i muri di separazione dalle altre unità: nelle due pareti aperte, da un lato si trova l’accesso da un ballatoio aperto, dall’altro uno spazio privato di pertinenza;
7,20 m. di profondità, equivalente ad una profondità di 5,40 m. e uno spazio buffer di 1,80 m, sul lato opposto all’accesso: può essere incluso nella casa, oppure essere una loggia o un balcone o una serra;
3,00 m. di altezza netta interna.
Rappresentare il progetto attraverso la sua pianta in scala 1:20, escludendo in questa fase gli aspetti stratigrafici-costruttivi, ma restituendone le principali caratteristiche materiche.
Tale planimetria sarà da ritagliarsi, sull’asse dei muri perimetrali, per permetterne l’affiancamento alle altre.
Con la pianta, e l’eventuale sezione se significativa, sarà da realizzare un modello, sempre in scala 1:20, in cartone vegetale.

Consegna Progetto I. Collage – mercoledì 12 ottobre
La prima proposta progettuale avviene tramite un collage.
Operazione di sintesi e di interpretazione del luogo attraverso immagini già date (fotografie, opere d’arte, progetti) il collage sarà montato su tavole quadrate, di formato 48×48.

Oltre a rappresentare l’idea di abitare della prima idea progettuale, il collage dovrà anticipare la vostra idea progettuale che ritenete adeguata per la città scelta.

Consegna Progetto II. Revisione Collettiva – mercoledì 26 ottobre
I contenuti della consegna dovranno riguardare tanto l’idea di abitare e di residenza, quanto il tema dell’attacco a terra e l’idea di impianto progettuale rispetto al contesto, ipotizzando soluzioni tipo morfologiche. La funzione collettiva sarà ad uso scolastico o educativo, quali un piccolo asilo o una scuola dell’infanzia, piuttosto che spazi educativi di altro genere.

Preparare la consegna con alcune slides da proiettare in aula, non più di 3 o 4, che illustrino il vostro schema planivolumetrico di progetto e gli studi dell’assetto distributivo e tipologico. Una prima slide potrebbe mostrare il planivolumetrico a grande dimensione nel contesto, nelle successive dovrete riportare sempre, anche in piccolo, il planivolumetrico e raccontare il progetto attraverso piante, sezioni urbane, schizzi tridimensionali e prospettici, oltre ai riferimenti.
Il formato sarà quello di un PDF, leggero, da caricare su onedrive, a questo link.

Consegna Progetto III. Revisione Collettiva – mercoledì 23 novembre
Nella consegna collettiva si presenteranno: planivolumetrico, sezioni urbane con alzati del contesto, sezione significativa del progetto, con attenzione all’attacco al suolo, pianta piano terra con indicazione di massima delle sistemazioni esterne, pianta piano tipo delle residenze, principali prospetti, con indicazione materica.
Preparare la consegna con alcune slides da proiettare in aula, non più di 5 o 6, che illustrino il vostro progetto con i materiali sopra indicati, oltre a studi e schizzi tridimensionali e prospettici, e i riferimenti.
Il formato sarà quello di un PDF, leggero, da caricare su onedrive, a questo link.
Verrà presentato in aula anche il modellino fisico della città con inserimento della vostra proposta progettuale.

Consegna Progetto IV.  – mercoledì 14 dicembre
Nella consegna collettiva si presenteranno: planivolumetrico, sezioni urbane con alzati del contesto, sezione significativa del progetto, con attenzione all’attacco al suolo, pianta piano terra con indicazione di massima delle sistemazioni esterne, pianta piano tipo delle residenze, prospetti schematici, ma con indicazione materica a stralcio.

Consegna Progetto FINALE, gennaio 2023
Nella consegna finale si presenteranno le tavole utili a descrivere al meglio un progetto d’architettura, che ne racconti l’assetto urbano, gli aspetti compositivi, la distribuzione e la vita degli spazi, fino alla consistenza materica. Sarà possibile comporre tali materiali in tavole sintetiche, per meglio descrivere le relazioni tra le parti. La scala al 100 o al 200 dipenderà dalla dimensione dell’area di progetto.
Le tavole dovranno dunque contenere:
– Foto inserimento in fotografia aerea;
– Planivolumetrico con ombre, orientato nord/sud con edifici dell’intorno e indicazione degli spazi aperti e/o verdi in scala 1:500;
– Profili urbani dell’area (sezioni) scala 1:500 con indicazione delle quote altimetriche;
– Pianta piano terra orientata nord/sud con quote altimetriche inserita nel contesto, in scala 1:200;
– Piante dei piani tipo significativi, in scala 1: 100 o 1:200;
– Sezioni significative in scala 1:100 o 1:200 con contesto;
– Prospetti dell’area di progetto inserita nel contesto in scala 1:100 o 1:200 con contesto;
– Particolare materico costruttivo con pianta, sezione e prospetto in scala 1: 50 (vedi esempio a seguire);
– Carpenteria del piano tipo al 100
– Viste  (almeno tre) che meglio rappresentino la natura degli spazi del progetto:
l’inserimento urbano o lo spazio pubblico, interno significativo dello spazio collettivo, la vita nelle residenze.

 

Giovanni e Lorenzo Muzio, particolare costruttivo complesso
residenziale in via Andrea Doria, Archivio Muzio.